LHCb

L'esperimento Large Hadron Collider beauty

Il gruppo di Bologna è entrato a far parte della collaborazione LHCb nel 1998. L'esperimento LHCb, installato presso il Large Hadron Collider (LHC), è dedicato allo studio del Modello Standard, in particolare delle interazioni forte ed elettrodebole. Oggi, il Modello Standard fornisce una descrizione soddisfacente di tutti i dati sperimentali disponibili nella fisica delle particelle elementari. Ciononostante, l’origine profonda della rottura delle simmetrie di sapore ed elettrodebole rimane incompresa, così come il meccanismo che stabilizza la scala elettrodebole. Il gruppo LHCb-Bologna partecipa alle attività di ricerca della Nuova Fisica con adroni a sapori pesanti, esplorando la quantità prodotta senza precedenti da LHC di adroni beauty e charm raccolta da LHCb durante i Run-1 e Run-2. In particolare, i membri del gruppo giocano un ruolo primario nell’analisi dati con lo scopo di realizzare: misure di precisioni per l’asimmetria materia-antimateria (violazione della simmetria CP) di adroni beauty e charm; test dell’universalità dei sapori dei leptoni tramite i decadimenti beauty e charm; studi di decadimenti molto rari degli adroni charm; studi di spettroscopia con sapori pesanti e studi degli stati eccitati; studi di tecniche avanzate di analisi dati con accelerazione hardware (GPU e FPGA).

L'esperimento LHCb

VELO

Vista del rivelatore VELO (VertexLocator). VELO è il principale strumento di tracking vicino al punto di interazione.

RICH

Vista degli specchi del Rich Imaging Cherenkov detector (RICH).

Outer Tracker

Il tracciatore esterno mostrato in figura è situato lontano dal tubo del fascio ed è fatto di migliaia di tubi sottili riempiti di gas.

Rivelatore di muoni

Vista del rivelatore di muoni situato all'estremità del rivelatore LHCb

Magnete

Con un campo integrato di 4 Tm, il magnete mostrato in figura è fondamentale per la misura del momento delle tracce

Calorimetro

Vista del calorimetro elettromagnetico, responsabile per la misura dell'energia di elettroni e fotoni

Torna su